Chitarre Solid Body e Hollow Body

Questo articolo è il primo di una serie di veloci approfondimenti sulla chitarra.

Diciamo approfondimenti, perché andiamo un po’ più nel dettaglio e forniamo qualche spiegazione tecnica. Diciamo veloci perché non vogliamo scrivere un’enciclopedia, ma dare qualche dritta nella maniera più semplice ed efficace possibile.

Solid Body

Le chitarre solid body hanno il corpo della chitarra completamente pieno, e nascono per eliminare il problema del feedback molto facile anche a bassi volumi delle chitarre acustiche o semi acustiche amplificate.

Le prime chitarre solid body della storia sono state la Fender Broadcaster (nota anche come Nocaster), più recentemente chiamata Telecaster (qua c’è la storia, se vi interessa) e la Gibson Lespaul.

L’idea la si attribuisce generalmente proprio al chitarrista Lespaul, jazzista con la mania di suonare a volumi alti e che voleva una chitarra che creasse minori problemi di feedback.

Il suono in queste chitarre risulta pieno, anche abbastanza compresso se vogliamo, dotate di un volume molto basso da spente che però trasmette le vibrazioni in ogni singolo poro della cassa catturando molto bene le caratteristiche del legno, senza contare che a prescindere dalla costruzione del manico (di cui parleremo poi)  tutte le vibrazioni attraverseranno liberamente lo strumento dalla punta della paletta alla fine del corpo.

La trasmissione delle vibrazioni è un elemento fondamentale e lo ritroveremo quasi sempre in questi capitoli.

Hollow Body

Le hollow body – o chitarre scavate – differiscono dalle acustiche o semi acustiche non solo per le dimensioni della cassa armonica quanto piuttosto perchè si tratta di chitarre a cui viene scavato l’interno del body. Al di sopra del body viene applicato un top spesso a sufficienza da non dover studiare un sistema di catene come accade nelle semiacustiche. In queste ultimen infatti, lo studio delle catene interne al body ha un ruolo fondamentale per la rifrazione del suono in acustico e sulla solidità di tutta la struttura per impedire che la chitarra si sfondi.

Le hollow body nascono come una via di mezzo tra le solid e le semi acustiche, (esempio tipico la telecaster thinline) e hanno generalmente un suono ricco di basse e medie frequenze. A farne le spese è il sustain, che generalmente paga un po’ lo scotto della presenza di meno materiale a cui le frequenze vengono trasmesse.

Le hollow body soffrono molto i gain troppo elevati ma amano i suoni puliti, ricchi di ambiente che enfatizza l’ampiezza del suono.